Facebook

Giro delle Marmarole / Marmarolerunde


Le Marmarole care al Vecellio,
rifulgan, palagio di sogni,
eliso di spiriti e di fate

— Giosuè Carducci, Ode Cadore

 

 

LE MARMAROLE: le Montagne del Cadore, aspre e selvagge, le Montagne che ispirarono il pittore Tiziano; una delle zona meno antropizzate delle Dolomiti, permettono all’escursionista di immergersi in ambienti naturali di rara bellezza e integrità.

IL TREKKING: il percorso ad anello permette in 3/5 giorni di effettuare l’intero periplo del gruppo, attraversando prima il soleggiato e verde versante sud, per poi scoprire le più ripide e severe pareti a nord ovest.

IL PERCORSO: si parte dall’ampio parcheggio a valle degli impianti di risalita del Monte Agudo ad Auronzo di Cadore, salendo alla sommità del colle utilizzando le due seggiovie, qui a quota 1.573 mt sorge il Rifugio Monte Agudo. Il sentiero, che con ampi saliscendi corre sulla dorsale della Croda del Grazioso e del Col Borgiou, ci porta all’ampio altopiano prativo del Pian dei Buoi, da qui per carrareccia militare,  raggiungiamo il Rifugio Ciareido a quota 1969 mt. La vista spazia sulle Dolomiti dell’Oltrepiave, del Centro Cadore, sul Cridola e  sugli Spalti di Toro. Il trekking prosegue in quota e brevemente raggiungiamo il Rifugio Baion adagiato a quota 1826 mt; sempre per saliscendi e facendo attenzione a due brevi tratti delicati arriviamo al Rifugio Chiggiato. La ripida discesa ci porta in Val d’Oten e alla Capanna degli Alpini, dove inizia la salita al Rifugio Galassi e ai 2120 mt di F.lla Piccola. Ci troviamo alle pendici del Monte Antelao, il re delle Dolomiti. Con percorso a mezzacosta scopriamo, sul Col de chi da Os, il Rifugio San Marco, da qui ripidamente saliamo a F.lla Grande che con il suoi 2255 mt è la quota massima raggiunta. Questo grandioso giro prosegue lungo l’intera Valle di San Vito fino alla foresta demaniale di Somadida dove la nostra avventura va terminando.

Essendo un trekking ad anello può essere eseguito anche in senso inverso, antiorario.

TEMPI: è un tuor che vista l’abbondanza di Rifugi in zona può essere suddiviso in 3, 4 o 5 giorni a seconda delle capacità e dell’impegno fisico di ciascun escursionista.

PUNTI D’APPOGGIO: Rifugio Monte Agudo, Ciareido, Baion, Chiggiato, Capanna Alpini, Galassi, San Marco.

Tabacco Nr.3, Nr. 16

www.marmarolerunde.com

 Carta Marmarole Galeria

Giro Marmarole

Stambecco Forcella Grande