Facebook

attraversate alpinistiche alte vie: Giro del Sorapiss

Giro del Sorapiss: grandioso percorso alpinistico di due giorni nel cuore delle Dolomiti Orientali,viene proposto in senso orario con partenza da nord.

 

TECNICAMENTE:

FERRATE: ferrata Vandelli – sentiero attrezzato Minazio – ferrata Berti

DISLIVELLO: MT 1.760 D+

TEMPI: 15 ore / 2 giorni

DIFFICOLTA’: ferrate di media difficoltà, con qualche passaggio più impegnativo sulla Berti, viene richiesta attenzione sul sentiero Minazio.

PERNOTTAMENTI:

Rifugio Vandelli – http://www.rifugiovandelli.it/

Rifugio San Marco- http://www.rifugiosanmarco.com/

Il giro si può intraprendere partendo da Nord pernottando prima al Vandelli e poi al San Marco oppure da sud con alloggio al San Marco e al Vandelli. La differenza è solo una comodità di viaggio. Viene proposto in senso orario per affrontare le ferrate al mattino.

Il giro richiede buon allenamento fisico e non va assolutamente sottovalutato. I bivacchi Comici e Slataper, visti i ridotti posti letto (rispettivamente 4 e 3 cuccette) devono essere considerati solamente come punti d’appoggio d’emergenza. Tenendo conto della scarsità d’acqua in zona e per evitare zaini troppo pesanti si consiglia di appoggiarsi ai Rifugi.

I  giorno

Dal Rifugio Vandelli si prosegue verso la via Ferrata Alfonso Vandelli, inserita nel circuito della Alta Via nr. 4. La ferrata sale trasversalmente da destra verso sinistra la parete ovest della Croda del Fogo e termina sullo schienale Nord. Si scende per prati e ghiaioni alla Busa del Banco dove sorge il bivacco Comici (4 ore dal rifugio Vandelli). Si risale il pendio erboso che porta alla Forcella Bassa del Banco (m.2.128), da qui per il sentiero Minazio N° 243, che attraversa per cenge di mughi e facili roccette in continuo saliscendi, fino ad incrociare il sentiero N° 226, che percorre l’intera Valle di San Vito. Si raggiunge la Forcella Grande dalla quale brevemente si scende al Rifugio San Marco (ore 5 dal Bivacco Comici).

II giorno

Dal Rifugio San Marco per sentiero N° 226 alla Forcella Grande, da qui a sinistra  per sentiero N° 243 al bivacco Slataper (2 ore). Brevemente alla Forcella del Bivacco mt.2.670 da dove inizia la ferrata Francesco Berti che attraversa da sud a nord l’intera parete della Croda Marcora. Per cenge e facili roccette si continua a lungo la traversata in quota, sempre con modesti saliscendi fino al limite del grande cengione da dove si scende al profondo vallone dei Tonde de Sorapiss. Da qui è possibile scendere direttamente al Rifugio Vandelli passando sotto al Ghiacciaio Orientale fin sulla riva del Lago del Sorapiss (dal Bivacco Slataper circa 5 ore) oppure risalire le ripide lastre fino alla stretta Sella di Punta Nera (mt. 2738) da dove si scende alla Forcella Faloria e al Passo Tre Croci (circa 7 ore dal bivacco Slataper).

La ferrata Berti può essere percorsa in senso inverso partendo da Cortina: con salita in funivia al Monte Faloria, si prosegue lungo la pista da sci al Rifugio Capanna Tondi,alla Forcella Faloria (mt. 2.309), si risale alla Sella di Punta Nera (mt. 2.738) da dove per ripide placche rocciose ci si cala ai Tonde del Sorapiss. Da qui per facili gradoni fino al grande cengione dove inizia il percorso attrezzato.